Banner Cub
Logo Federazione
22 ott 18
Il sindacato indipendente e di base      
Cartina Italia Cliccabile
Stampa Notizia

520 LAVORATORI PRECARI SU POSTI VACANTI DELLA SCUOLA LICENZIATI SENZA GIUSTA CAUSA E ALTRI 200 IN ATTESA!!!

In allegato il volantino e il resoconto degli incontri Lazio


Roma – mercoledì, 01 luglio 2009

L’USP e l’USR hanno comunicato in questi giorni il numero delle autorizzazioni ai DS al “prolungamento dei contratti” su posto vacante (organico di diritto) che sono stati illegalmente stipulati fino al 30 giugno:      solo 285 su 805!



Ma non solo, anche i circa 200 che hanno avuto un contratto regolare (cioè fino al 31 agosto) rischiano di essere licenziati per le stesse ragioni.



Dagli incontri avvenuti tra CUB Scuola e i vari Dirigenti dell’USP e dell’USR è emerso che l’unico criterio utilizzato è quello del contenimento della spesa.



Non sono state tenute in considerazione né le necessità effettive delle scuole, documentate dai Dirigenti Scolastici, né soprattutto ciò che prevede una legge dello Stato, la n° 124/99:che regola  la stipula di contratti fino al 31 agosto per tutti quei lavoratori che occupano posti vacanti.



Siamo di fronte all’applicazione della legge Aprea prima della sua approvazione che trasformerà le istituzioni scolastiche in fondazioni cioè privatizzate, dove i dirigenti saranno liberi di assumere e licenziare secondo l’unico criterio: il contenimento della spesa.



Il personale Ata, come il resto dei lavoratori, si trova da anni a subire condizioni di lavoro sempre più dure che si realizzano anche dividendoci in modo strumentale in tante tipologie contrattuali. Così, oltre ai precari e a quelli di ruolo, tra i collaboratori scolastici ci sono gli ex LSU delle cooperative di pulizie; tra il personale amministrativo ci sono i CO.CO.CO.:



il nostro obiettivo è unico per tutti assunti tutti subito e davvero!



Il rischio è che i lavoratori vedano allargarsi fenomeni di clientelismo e servilismo che cancellano nei fatti i principi fondamentali della nostra Costituzione. D’altra parte gli stessi dirigenti che abbiamo incontrato ci hanno candidamente dichiarato che la loro funzione è di “organi passivi” nei confronti di decisioni ministeriali che possono essere contro le leggi dello Stato.



Siamo noi “l’organo attivo” che difendendo i nostri diritti e la nostra dignità, difende i principi democratici di uguaglianza e di libertà.



La Cub Scuola invita il personale precario ATA sui posti vacanti e tutti i lavoratori a:

1. Partecipare alla manifestazione dei precari della pubblica amministrazione del 3 luglio che si terrà a Roma dalle ore 10.30


2. aprire i contenziosi con l’amministrazione per il diritto alla paga e al punteggio per luglio e agosto.


3. la Cub Scuola  ha già richiesto un incontro al Ministero la delegazione è aperta a tutti gli interessati.


Costruiamo una grande manifestazione a settembre dove la voce del personale ATA si unisca a tutte le componenti del mondo della scuola.

 

 

.


La CUB SCUOLA di Roma invita tutto il personale precario della scuola, non in servizio, ad intervenire alla manifestazione del 3 luglio indetta dalla confederazione RBD-CUB e dal PATTO di BASE per le categorie del pubblico impiego. La CUB SCUOLA di Roma aderisce per la difesa di migliaia di posti di lavoro del personale precario della scuola messi a rischio dai tagli del ministro Gelmini, in particolare denuncia la situazione dei 720  ATA e Collaboratori Scolastici  su posti vacanti, solo a Roma e provincia, che dal primo luglio saranno licenziati.


CUB scuola
Rss

© 2008 CUB Confederazione Unitaria di Base - Via dell'Aeroporto n.129 - 00175 ROMA - centralino 06.762821 - fax 06.7628233

Powered by Typo3