Banner Cub
Logo Federazione
17 ott 17
Il sindacato indipendente e di base      
Cartina Italia Cliccabile

L’attivo dei delegati e attivisti di zona Milanoest. 13 luglio 2009


Milano – giovedì, 16 luglio 2009

Il documento aprovato:

 

L’attivo dei delegati e attivisti di zona Milanoest riunito il 6 giugno si è riconvocato il giorno 13 luglio 2009 ed esprime le seguenti valutazioni: ribadisce che secondo le previsioni degli statuti, e in zona Milanoest fin dal 1991 hanno funzionato attivi dei delegati (composti dai presenti) e normalmente convocati, tenendo conto degli impegni di zona, dal sindacalista e dal collettivo di gestione della zona (in genere dai membri del direttivo, dai più presenti e attivi e naturalmente aperto al contributo di chi abbia voluto partecipare).

L’attivo e il collettivo quindi non escludono nessuno di chi voglia partecipare al confronto sull’andamento sindacale a tutto campo con un occhio al radicamento, allo sviluppo intercategoriale, alla solidarietà e unità con altre lotte e in rapporto con quel che succede in zona. (è il caso di ricordare la presenza della cub di zona in manifestazioni in difesa dei palestinesi, durante le 185 ore di sciopero della Mara lo sciopero di lega e il coinvolgimento degli altri sindacati di base presenti al San Raffaele, ecc. e recentemente alla manifestazione indetta dalla Confederazione Cobas del Fatebenefratelli in lotta contro esternalizzazione e privatizzazioni e la solidarietà alla lotta della Innse).

Il congresso di zona ha dato un mandato su una linea unitaria  nelle lotte ma anche nella ricerca di una via per la unificazione delle organizzazioni dei sindacati di base (vedi documento: dalle cub alla cub verso l’unità del sindacalismo di base) che però ha trovato a livello locale e nazionale la condivisione da parte di poche altre realtà.

E quindi siamo di fronte ad opinioni diverse (di maggioranza e minoranza?? Che andrebbero verificate a livello di base).

Tali compiti vanno svolti a pieno titolo e non solo con il massimo impegno individuale.

Ribadiamo il diritto ad esistere delle opinioni diverse che non possono essere zittite né cancellate con la indizione di un attivo dall’alto da parte dei segretari generali delle categorie in disaccordo, senza l’approvazione (sulla data del sabato 4 luglio in quanto diversi delegati non potevano essere presenti) ed anzi escludendo dalla scelta il sindacalista di zona (Angelo Pedrini), due dei tre segretari presenti in zona Milanoest (Angelo Maraschi – FLMUniti e Rino Oliviero della FLAICAUniti-CUB) e dei componenti gli organismi direttivi delle varie categorie.

Giudica negativamente qualsiasi tentativo di “commissariare” la zona con delegati scelti dall’alto e che finora non si sono visti e non hanno lavorato fianco a fianco con chi in zona opera da sempre.

L’attivo naturalmente ribadisce (come già fatto più volte prima dell’attivo separato convocato dai soli segretari generali - ad esclusione della segretaria della CUB Informazione) la disponibilità a continuare l’attività e dà una disponibilità al confronto con tutte le realtà disponibili e presenti in zona e con le segreterie.

La nuova sede in via di definizione potrà essere un luogo per lo sviluppo del lavoro sindacale in zona in rapporto con la presenza della altre sigle sindacali e di altre realtà e per la costruzione di iniziative di lotta (come lo sciopero ipotizzato per il prossimo 23 ottobre) e per una migliore difesa dei lavoratori passando, a nostro parere, anche attraverso percorsi di unificazione che superino le attuali realtà cristallizzatesi in decenni di lotte.

In relazione alla assemblea di Riccione dal coordinamento CUB del 18 dicembre e alla prossima dell’ottobre 2009 (convocata senza la maggioranza prevista dagli organi statutari) l’attivo ribadisce la scelta di partecipare alle varie scadenze con l’obiettivo di riprendere un cammino unitario per scelte e decisioni consapevoli.

Non è con le scomuniche, con i commissariamenti che si salvaguardano né la integrità delle organizzazioni né si costruisce una organizzazione sindacale democratica utile ai lavoratori e lavoratrici.

E quindi se non basterà la assemblea di ottobre dovremo continuare la ricerca della strada utile per gli obiettivi che ci poniamo.

In relazione al progetto di azzonamento si ribadisce la necessità di un confronto preventivo con le zone e il direttivo per verificare le proposte operative (che non dovrebbero contenere nessuna ipotesi velata di “commissariamento”) ed inoltre si tratterebbe di analizzare la compresenza sul territorio e nelle diverse categorie della altre realtà del sindacalismo di base nelle aziende e con sedi che possano funzionare unitariamente a partire dal Patto di Base.
Proponiamo che la prossima riunione si tenga il…. Presso …….


 

Rss

© 2008 CUB Confederazione Unitaria di Base - Via dell'Aeroporto n.129 - 00175 ROMA - centralino 06.762821 - fax 06.7628233

Powered by Typo3